Ultimissime di diritto penale – Maggio 2015

 

DIRITTO PENALE SOSTANZIALE

Esercizio abusivo della professione e colloquio in carcere

Integra il reato di cui all’art. 348 c.p. la condotta di chi, laureato in giurisprudenza, ma non abilitato all’esercizio della professione di avvocato, effettui colloqui presso un istituto penitenziario con un detenuto che lo aveva preventivamente nominato difensore di fiducia, qualificandosi come avvocato al cospetto del personale di polizia penitenziaria.

Cass. pen. sez. VI, 13 febbraio 2015, n. 6467

Condanna dell’Europa all’Italia per i fatti della Diaz

Prima condanna della Corte EDU in relazione alle violenze perpetrate dalle forze di polizia italiane in occasione delle manifestazioni contro il G8 di Genova del 2001.

CEDU, sez. IV, 7 aprile 2015, 6884

PROCEDURA PENALE

Confiscabilità veicolo in comproprietà per guida in stato d’ebbrezza

La Cassazione ha stabilito come la confisca del veicolo in caso di condanna o di applicazione della pena su richiesta delle parti ex art. 186, c. 2, lett. c, CdS – salvo che il veicolo stesso appartenga a persona estranea al reato – deve essere disposta anche in caso di comproprietà del mezzo.

Cass. pen. sez. IV, 13 novembre 2014, 47024

Messa alla prova non può applicarsi solo ad alcuni dei reati contestati

La Corte di Cassazione ha chiarito che la messa alla prova non può essere solo parziale e riguardare perciò solo alcuni dei reati per i quali si procede. In caso contrario, a venire compromessa sarebbe la funzioni risocializzante della misura.

Cass. pen. sez. II, 8 aprile 2015, 14112

NOVITÀ LEGISLATIVE

Regolamento recante la struttura e la composizione dell’ufficio del Garante nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale.

Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 75 del 31 marzo 2015 il decreto del Ministro della Giustizia 11 marzo 2015, n.36, attuativo dell’articolo 7 della legge n. 10/2014, regolante la disciplina del cd. Garante Nazionale dei Detenuti.

Decreto 11 marzo 2015, n. 36

Modifiche al codice di procedura penale in materia di misure cautelari personali

Per lo più abbracciando arresti della migliore giurisprudenza, il legislatore ha modificato le disposizioni del c.p.p. sul tema delle misure cautelari personali.

Legge 16 aprile 2015, n. 47

 

Prima di iscriverti alla newsletter, sei invitato a leggere l’informativa sul trattamento dei dati.